paolo.sartorio@outlook.it

Jorge Luis Borges – “Finzioni”

  • di paolo.sartorio@outlook.it

Al principio i sogni furono caotici; poco dopo, di natura dialettica. Lo straniero si sognava nel centro d’un anfiteatro circolare che era in qualche modo il tempio incendiato; nubi di alunni taciturni ne appesantivano i gradini; i volti degli ultimi si perdevano a molti secoli di distanza e ad un’altezza stellare, ma erano del tutto precisi. L’uomo dettava lezioni d’anatomia, di cosmografia, di magia: quei volti ascoltavano… Leggi tutto »Jorge Luis Borges – “Finzioni”

Carl Gustav Jung – “La sincronicità”

  • di paolo.sartorio@outlook.it

Gli archetipi sono fattori formali che coordinano processi psichici inconsci: sono “patterns oh behaviour”. Al tempo stesso gli archetipi hanno una “carica specifica”: sviluppano effetti numinosi che si manifestano come affetti. L’affetto provoca un parziale abaissement du niveau mental, elevando un determinato contenuto a un livello di chiarezza superiore al normale, ma sottraendo anche in pari misura agli altri possibili contenuti della coscienza tanta energia che essi… Leggi tutto »Carl Gustav Jung – “La sincronicità”

Norberto Bobbio – “Destra e sinistra – Ragioni e significati di una distinzione politica”

  • di paolo.sartorio@outlook.it

Il contrasto tra Rousseau e Nietzsche può essere bene illustrato proprio dal diverso atteggiamento che l’uno e l’altro assumono rispetto alla naturalità e artificialità dell’eguaglianza e della diseguaglianza. Nel Discorso sull’origine della diseguaglianza, Rousseau parte dalla considerazione che gli uomini sono nati uguali, ma la società civile, vale a dire la società che si sovrappone lentamente allo stato di natura attraverso lo sviluppo delle arti, li abbia… Leggi tutto »Norberto Bobbio – “Destra e sinistra – Ragioni e significati di una distinzione politica”

Jan Assmann – “Non avrai altro Dio”

  • di paolo.sartorio@outlook.it

Il terzo tipo di violenza è la violenza dello stato,  che va distinta dalla violenza giuridica nella misura in cui, rivolgendosi verso l’esterno, si basa non sulla differenza tra torti e ragioni, bensì su quella tra amico e nemico, differenza a cui Carl Shmitt ha legato l’essenza e il concetto del politico. Anche questa ripartizione, però, è troppo limitata in quanto presuppone un concetto del politico che… Leggi tutto »Jan Assmann – “Non avrai altro Dio”

Umberto Eco – “Il pendolo di Foucault”

  • di paolo.sartorio@outlook.it

Mi riusciva sempre più difficile districare il mondo della magia da quello che oggi chiamiamo l’universo della precisione. Ritrovavo personaggi che avevo studiato a scuola come portatori della luce matematica e fisica in mezzo alle tenebre della superstizione, e scoprivo che avevano lavorato con un piede nella Cabbala e l’altro in laboratorio. Stavo forse rileggendo la storia intera attraverso gli occhi dei nostri diabolici? Ma poi trovavo… Leggi tutto »Umberto Eco – “Il pendolo di Foucault”

Michela Murgia – “Chirù”

  • di paolo.sartorio@outlook.it

Lieve era il suo aggettivo preferito. Le foglie che cadono, le pagine voltate piano, un maglione di cachemire posato sulle spalle, la vibrazione del cellulare sempre silenziato. Da quando lei e babbo si erano separati mamma aveva sviluppato una predilezione per tutto quello che non lascia impronte e si sdegnava solo per le cose urlate, le righe oltrepassate, gli stridori. Aver sposato un uomo che aveva gridato… Leggi tutto »Michela Murgia – “Chirù”